Lc 12, 49ss

  

Sulla strada che porta a Gerusalemme, Gesù avverte in modo sempre più vivo il senso della sua missione: Sono venuto a portare fuoco sulla terra; c’è un battesimo che devo ricevere; sono venuto a portare divisione.

 C’è un battesimo che devo ricevere.

Gesù comincia ad avvertire l’angoscia della sua imminente Passione, intesa come nuovo Battesimo, cioè come un’immersione nell’abisso della sofferenza.

 Sono venuto a portare fuoco sulla terra.

Gesù ha fiducia che dal Battesimo della sua Passione possa scaturire per l’umanità il dono dello Spirito santo, inteso come fuoco capace di purificare i cuori degli uomini.

 Sono venuto a portare divisione.

Gesù è convinto che lo Spirito santo non lascerà le cose come le trova, ma sconvolgerà i vecchi equilibri umani, per instaurare la Pace di Dio.

La pace del mondo è un equilibrio provvisorio che dura finché è garantito dagli interessi delle parti in causa.

La pace di Dio, invece, è il frutto della fede in Lui e della docilità allo Spirito santo.

 Gesù offre la pace di Dio a un mondo che non è disposto ad accoglierla, perché preferisce chiudersi a Dio piuttosto che aprirsi a Lui, perseguire i propri interessi piuttosto il bene comune.

Per questo la Pace di Gesù non trasformerà il cuore degli uomini con un colpo di bacchetta, ma si farà strada nella loro vita solo attraverso scelte laceranti e dolorose.

L’accoglienza ovvero il rifiuto della Pace di Gesù provocherà fin da ora divisioni e separazioni al’interno della stesa famiglia: D’ora innanzi, in una casa di cinque persone, si divideranno tre contro due e due contro tre.

 Dopo aver annunciato il dono dello Spirito santo, Gesù denuncia la cattiva volontà dei suoi contemporanei, che sono capaci di interpretare il tempo meteorologico ma incapaci di riconoscere il valore dell’ora presente, kairòs, e ad agire di conseguenza.

Quello inaugurato da Gesù è il tempo in cui Dio visita gli uomini e richiede la loro conversione.

 In seguito alla sua morte e risurrezione, il tempo inaugurato da Gesù si prolunga nel tempo della chiesa e mette a disposizione degli uomini di ogni epoca il dono e la responsabilità della salvezza.

E noi, siamo capaci di avvertire il valore dell’ora presente e comportarci di conseguenza?

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

*

© 2018-2022 Parrochia Maria SS. Assunta - Vernole
Seguici su Facebook: