Francesco Cavallo

La seconda tavola rotonda è stata introdotta dall’avvocato Francesco Cavallo che ha letto la crisi della famiglia nel contesto di quella dell’intera civiltà occidentale.

L’uso e abuso di droga, la banalizzazione dell’istituto matrimoniale, la precarietà della occupazione, l’inesorabile invecchiamento della popolazione sono i sintomi più significativi di una transizione epocale il cui esito dipende solo da noi, dalla nostra capacità di ripartire, nelle piccole cose, dai valori in cui crediamo.

 

Claudio Scamardella

Il direttore del Quotidiano ha approfondito l’analisi di Francesco Cavallo, evocando un suo editoriale in cui identificava le cause della crisi familiare in due cosiddette rotture culturali, e cioè: la moltiplicazione dei luoghi di formazione, che ha portato all’attuale emergenza formativa, e la globalizzazione indotta dal dilagare di Internet, che ha portato alla crisi del principio di autorità, con nefaste conseguenze in tutti i campi.

Per Scamardella la via di uscita da quello che sembra un tunnel senza luce consiste nella capacità di uscire dall’individualismo e di ritrovare il senso del noiattraverso i luoghi reali, o, come ha efficacemente riassunto: riportando al centro di tutto l’uomo concreto.

 

Leonardo Giannone

Nel ringraziamento finale il parroco ha enucleato il senso di tutto il percorso di Avvento nel segno indicato dall’angelo di Natale: a Betlemme troviamo una coppia di sposi che ha saputo fare posto a Dio e un Dio che ha saputo divenire socio di ogni uomo, un compagno pronto ad affiancarlo nell’impegno di costruire un futuro più degno.

© 2018-2019 Parrochia Maria SS. Assunta - Vernole
Seguici su Facebook: