Mt 4, 12ss

 

Quando Giovanni il Battista viene arrestato, Gesù comprende che è arrivato il momento di dare inizio alla sua missione: torna in Galilea, ma piuttosto che rimanere a Nazaret, sceglie Cafarnao come sua nuova dimora.

Per l’evangelista questa scelta non è casuale, perché realizza un’antica profezia che annunciava la liberazione della Galilea, terra in cui gli ebrei vivevano a stretto contatto con i pagani.

Come il Servo del Signore, anche Gesù è chiamato ad essere luce, non solo per Israele, ma per tutti i popoli.

 Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: Convertitevi, perché il Regno dei cieli è vicino.

Gesù riprende alla lettera le parole di Giovanni  Battista, per annunciare il Regno di Dio sul popolo di Israele e, attraverso di esso, sul mondo.

Dio vuole ristabilire, attraverso un intervento diretto, la sua regalità sugli uomini, compromessa dal peccato.

Dopo Giovanni, Gesù annuncia questo intervento come imminente.

All’annuncio è collegato l’appello a convertirsi, cioè a cambiare la propria mentalità, in modo da riconoscere e accogliere Dio come proprio Signore e Re.

Con l’espressione Regno dei cieli, Gesù intende un’azione divina che si attua nel mondo e nella storia degli uomini, rimando dei cieli, cioè trascendente.

 Il racconto della chiamata dei primi discepoli dimostra che il Regno dei cieli si fa vicino agli uomini nella Persona di Gesù.

All’inizio del suo ministero, Gesù chiama due coppie di fratelli: passa, li vede, li chiama dietro a sé, cioè a diventare suoi discepoli.

L’iniziativa di Gesù rovescia il modello dei rapporti che c’era tra il maestro e i discepoli nelle scuole di quel tempo: non sono i discepoli che scelgono il maestro, ma viceversa; la parola del Maestro Gesù non va solo memorizzata e spiegata, ma attuata; seguire Gesù comporta una solidarietà concreta con la sua missione e col suo destino.

 La promessa rivolta ai pescatori: Vi farò pesatori di uomini, indica la volontà di Gesù di associarli alla sua missione escatologica che consiste nel conquistare gli uomini al Regno di Dio.

La parola di Gesù si rivela capace di strappare quegli uomini alla loro professione e alla loro famiglia.

 Tutta l’attività di Gesù viene riassunta in tre verbi: insegnava nelle loro sinagoghe, predicava il Vangelo del Regno, guariva ogni sorta di infermità del popolo.

Il Regno di Dio annunciato da Gesù è una forza capace di liberare il popolo dalle malattie e miserie che lo affliggono.

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

*

© 2018-2022 Parrochia Maria SS. Assunta - Vernole
Seguici su Facebook: